Amore

Stefano Levi Della Torre

L'amore è cieco perché è arbitrario e singolare, la giustizia è cieca per non essere né arbitraria né singolare. Nell'iconografia tradizionale, amore e giustizia sono entrambi bendati ma la loro benda ha significati esattamente opposti.
Zone di turbolenza, 2003

Parole appassionate e dieci disegni inediti per esplorare le diverse facce dell’amore, esperienza comune e insieme intima degli uomini e delle donne. Il viaggio si muove intorno all’Eros, il “luogo” dell’incrocio di sessualità e di emozioni, mosse dal sentimento di non bastare a se stessi. Miti antichi, fiabe, poesie di ogni epoca, cantici biblici accompagnano un discorso che tenta di cogliere la complessità e il dramma dell’amore, tra felicità, sofferenze e speranze esistenziali. Al di là dei moralismi e delle spiritualizzazioni edulcorate.

Clicca qui per leggere le prime pagine del libro

Clicca qui se vuoi comprare il libro o l'e-book (in epub, mobi o pdf)

Potrebbe interessarti anche...

Canti d'amore

Clara Capello
Saprà la poesia dipanare la trama fitta e densa del discorso amoroso?[...Continua sulla scheda libro]

Dialogo con l'amore

Jean-Luc Marion
I pensieri di un maestro della filosofia contemporanea[...Continua sulla scheda libro]

2 commenti a Amore
  1. Col termine “amore” noi abbiamo riassunto almeno 3 Concetti che, per gli antichi greci, avevano tre significati molto diversi fra di loro:

    Agàpe: con questo termine i graci identificavano l’amore che viene dall’alto, quel sentimento che va da colui che dispensa amore a colui che lo riceve e che fa felice sia chi lo da che chi lo riceve;

    Eros: sentimento che viene dal basso e che fa si che due esseri siano attratti l’uno dall’altro per dare luogo all’unione carnale che dovrebbe rendere felici, almeno nelle reciproche aspettative, entrambi;

    Philìa: sentimento che si sviluppa in orizzontale e che stimola uno o più inmdividui a godere del piacere di stare insieme per il gusto ed il piacere della reciproca presenza, compagnia. Di solito s’intendeva l’amore che lega il maestro ai discepoli, ma non solo.

    Di che tipo di “amore” volgiamo parlare?

    • Stefano Levi Della Torre 12 giugno 2013 at 18:50 Rispondi

      Gentile Sig Turin, la ringrazio per le sue precisazioni. Nel mio breve libretto mi sono aggirato soprattutto intorno all’eros. Se avrà voglia di leggerlo, mi interesseranno molto le sue considerazioni e le sue eventuali critiche. Difficile dare fondo a un tema del genere, anche se preso da un suo aspetto parziale.
      La saluto cordialmente.
      Stefano Levi Della Torre


[inizio]
Il progetto Gemme è un dialogo intorno al linguaggio che usiamo, partecipa anche tu: